Related Articles

5 users responded in this post

Subscribe to this post comment rss or trackback url
User Gravatar
Alien on Acid said in 24 Novembre, 2008 at 19:35

non ne ho uno in assoluto, il mio primo e gratis Canned Heat, circa 1969, con la formazione al completo, non ancora falcidiata dai lutti. I Rolling Stone, Tour di Let It Bleed, il primo senza Brian Jones e quindi con Mick Taylor alla chitarra, era di settembre, l’anno devo controllare la data d’uscita dell’ellepì. Uno che come intensità e phatos, mi sorprese, Peter Gabriel, tour di So, una notte meravigliosa in quel di Milano con Siouxsie & The Banshees, Echo & The Bunnymen e gran finale con Mink De Ville.
Sempre sull’onda Wave, il Pop Group, Gang of Four, le Slits…forse segue…ah! Uno di Prince, quello della sua prima volta in Italia, anno e data, boh e un Jethro Tull (tour di Aqualung).

Rispondi

User Gravatar
Alien on Acid said in 24 Novembre, 2008 at 19:38

Uno pallosissimo: i Ten Years After del dopo Woodstock, peccato perchè prima di quel festival, li ho visti a Montreux, ed eran piacevoli.

Rispondi

User Gravatar
buzzandmusic said in 24 Novembre, 2008 at 21:23

scusate ma lo devo dire:mes cojones!!!!!!!!!!!!!!!!Alvin Lee cmq sara’ sempre Alvin Lee ,giusto Alien?Gabriel con “so” ….io c’ero o a Bologna o a Firenze alle cascine non ricordo ma c’ero in ambedue in due concerti diversi………..Rolling?Roma Olimpico quando boh ma c’ero……Jethro Tull?Bologna 1985 ,,,,,,,,il flauto di Anderson volo’ nel cielo e poi attacco’ “aqualung” e il Palasport esplose ,super!

Rispondi

User Gravatar
Alien on Acid said in 25 Novembre, 2008 at 00:38

Alvin Lee, dopo Woodstock, s’è messo a fare la foca ammaestrata anzichè, continuare far musica. Assoli, su assoli tremendamente vuoti e solamente tesi a confermare la nomea di, chitarrista più veloce del West. Sbadigli, sbadigli, sbadigli, molto meglio il ruvido e sanguigno, Rory Gallagher che, nei primi anni settanta credo d’aver visto almeno cinque volte nel volger di un paio d’anni.

Rispondi

User Gravatar
buzz said in 25 Novembre, 2008 at 09:23

Rory Gallagher,a Dublino c’è la sua chitarra appesa al Templem Bar ,che mito come Phil Lynott dei Thin Lizzy,grande bassista,al quale hanno dedicato una statua che ho visto,ma con la mia sclero ora non ricordo dove:-))Grandi interpreti…….indimenticabili.Geni incompresi che vengono rivalutati sempre dopo.La letteratura afferma che Lynott influenzo’ tantissimo le attuali band di heavy metal………….forza ragazzi si parla di musica,concerti…….che fate “mi battete la fiacca”?La radio ora la sentite???ciao a tutti

Rispondi

Leave A Reply

 Username (Required)

 Email Address (Remains Private)

 Website (Optional)