2 users responded in this post

Subscribe to this post comment rss or trackback url
User Gravatar
kloo said in settembre 20th, 2012 at 13:24

Non vorrei fare il rompi scatole, ma ho notato 2 cose non trascurabili:

– gli album presi in questione (mi riferisco solo a quelli stranieri visto che di musica italiana non me ne intendo poi granchè) sono solo quelli più quotati nel business marginali, tanti di questi sono addirittura marginali per l’evoluzione della musica, tralasciando certi album che magari non hanno gridato al successo ma che hanno dato un grande seguito per gli anni 2000.
– la pochezza di ricerca e gli errori nell’articolo, già chiamare il “grunge”: “grange”. Mi ha fatto storcere il naso, ma ho pensato che fosse solo un lapsus. Ma poi mi accorgo di:

Mellon Collie And The Infinite Sadness diventa Mellon Collie and the Infinity ; il gruppo post-rock degli Slint diventano Splint.

Gli errori dai posso anche dire che ci stanno ma la mancanza di nomi che a mio avviso dovevano esserci ne cito alcuni:

non prendere niente dallo shoegaze è pressochè un offesa:

Loveless dei My Bloody Valentine
Souvlaki degli Slowdive
Nowhere dei Ride
come minimo.

poi c’è tutta la lunga scena Lo-Fi:

Slanted And Enchanted oppure Crooked Rain, Crooked Rain dei Pavement
In The Aeroplane Over The Sea dei Neutral Milk Hotel
The Soft Bulletin oppure Transmission From The Satellite Heart dei Flaming Lips

un album simbolo del pre-britpop quello dei The La’s omonimo.

meritava citazione anche In Utero dei Nirvana
forse meglio Siamese Dream degli Smashing Pumpkins
o Definitely Maybe degli Oasis.

Weezer con l’omonimo (blue album) per quel Punk più pop oppure il magistrale Pinkerton.

Dummy dei Portishead… e molti altri!!!

Rispondi

User Gravatar
buzzandmusic said in settembre 20th, 2012 at 13:51

Gentile Kloo,
lei doveva scrivere questo messaggio a myword,it e non a me. Apprezzo i suoi gusti e le sue divagazioni musicali ,diciamo cosi’ di nicchia, ma non tutti amano certi titoli e certe band.
Il titolo del topic e’ emblematico: il meglio degli anni ’90 per myword.it e non per me. Volevo semplicemente “sondare” il terreno e vedere se qualcuno avrebbe risposto. La ringrazio quindi per essere intervenuto, non condivido in toto le sue preferenze e quelle di myword (alcune si altre no, per esempio per me manca achtung baby di u2 ed e’ solo un esempio) e scuso certi banalissimi errori che possono capitare a chi magari ha scritto l’articolo per passione senza prenderci un euro, proprio cosi come sto facendo io ora. Buon tutto e buona musica a lei. You’re welcome.

Rispondi

Leave A Reply

 Username (Required)

 Email Address (Remains Private)

 Website (Optional)