Related Articles

15 users responded in this post

Subscribe to this post comment rss or trackback url
User Gravatar
Jeffbuck said in 15 Giugno, 2010 at 19:59

Andrei volentieri il 7 Luglio ma è un mercoledì :-((

Rispondi

User Gravatar
buzzandmusic said in 16 Giugno, 2010 at 09:36

che palle,come sono monotoni e noiosi….uffa

Rispondi

User Gravatar
B16 said in 16 Giugno, 2010 at 10:10

….consiglio oi va voi….!!!

Rispondi

User Gravatar
buzzandmusic said in 16 Giugno, 2010 at 11:04

io non consiglio nulla stavolta o forse si i Gong o Bubola,wow ma per me Asti e’ lontana:-)

Rispondi

User Gravatar
B16 said in 16 Giugno, 2010 at 11:16

Intervista datata 2007, piu’ un paio di live download e video per Nick Cave/Grinderman:

http://nickcavefixes.wordpress.com/2010/03/13/grinderman-revisited/

Rispondi

User Gravatar
Generale Lee said in 16 Giugno, 2010 at 16:22

se fossimo allo stadio…. e io tenessi il megafono….. ordinerei subito 5 minuti di cori per B16!!!!!!

Rispondi

User Gravatar
Generale Lee said in 16 Giugno, 2010 at 16:26

…dimenticavo che B16 mi ha fatto rivalutare Honey Bee…..mi tiro le orecchie da solo perchè il mio ascolto di “Grinderman” era stato meno attento del dovuto.
N.B. = Invece la Generalessa impazzisce proprio per Honey Bee…..

Rispondi

User Gravatar
buzz said in 16 Giugno, 2010 at 17:35

e questo e’ il significato piu’ profondo dell’esistenza del rock caffe’,la musica unisce e ha il POWER,rock on

Rispondi

User Gravatar
B16 said in 17 Giugno, 2010 at 10:20

un super power…!!!!

Rispondi

User Gravatar
B16 said in 17 Giugno, 2010 at 10:33

Ci sono cose che mi lasciano perplesso, altre d’accordo in quest’intervista a Priviero, spero non me ne vorrete. Criticare gli Stones (che fanno gli adolescenti a cinquant’anni) quando tu ne hai 48 e mi sembra nessun intenzione di mollare il rock sul palco… e poi il paragone tra Mandela e il mondiale in Sudafrica qualcuno riesce a spiegarmelo? Mah! 30 anni fa’ in Italia si sentivano solo Nannini e Bennato con Un’estate italiana… OVUNQUE! Mandela Day si sentiva ancora per carita’, ma beninteso era dell’anno prima…

Massimo Priviero “Vasco e Liga
non lottano più”

Enzo Jannacci, quando incise il suo live-consuntivo, lo chiamò 30 anni senza andare fuori tempo. Per Massimo Priviero gli anni sono 20 e il titolo Rolling Live, ma la sostanza non cambia: senza andare fuori tempo. Nessuna resa mai, come il titolo della sua biografia e di un disco del ’90, quando muoveva i primi passi come Ligabue e gran parte della critica puntava su Priviero come «nuovo Springsteen». Non di rado la storia si diverte a sparigliare. Oggi Priviero ha 48 anni. E’ un rocker passionale e lirico. In Rolling Live compare Ciao amore ciao, il canto del cigno di Luigi Tenco a Sanremo. «Grazie al Club Tenco ho recuperato il testo originale, pacifista nel senso più nobile. L’Ariston glielo censurò. Al di là del suo malessere esistenziale, sono convinto che Tenco si sia ucciso anche per quella ulteriore delusione».

I live sono bilanci. Il suo è positivo?
«Molto. Amo pensare che il mio sia un percorso di umana resistenza. Sono come un falegname che costruisce un tavolo ed è poi felice di vederlo star su. La creazione è atto solitario: se poi riesci a condividere la tua solitudine con altri, hai vinto la sfida. A prescindere da quanti siano ad ascoltarti».

Nel suo caso potevano essere di più.
«Una scelta, perché pur non essendo un eroe non mi sono mai svenduto; e una incapacità, perché non sono mai stato abbastanza nazionalpopolare. Devi avere qualcosa dentro per scrivere a sessant’anni ciò che scrivevi a venti, come fa Vasco. Un aspetto criticabile, ma anche una dote. A me non riuscirebbe».
Bubola, Finardi, Priviero. Rocker «veri», che fanno numeri meno rilevanti di altri.
«Il rock italiano non esiste: esiste il rock in Italia. La mia idea è che oggi sia più rock cantare gli alpini in Russia, come faccio a teatro, piuttosto che raccontare sempre i bar di Reggio Emilia. Il rock in Italia si riduce troppo spesso a messaggi post-adolescenziali o slogan da centri sociali, del tutto funzionali al sistema».

Il rock in Italia non lotta più?
«L’artista di successo si limita a incidere la stessa canzone. Forse ha il terrore di perdere i 100mila spettatori di San Siro e quella sensazione è una droga, non lo so. Manca il coraggio. Springsteen, che sul palco è poco sotto Gesù bambino, ha fatto il contrario: poteva incidere Born in the Usa tutta la vita, ma non ha mai smesso di rimettersi in gioco. Ecco perché è Springsteen».

E in Italia?
«De Andrè, il primo De Gregori, Capossela. E i Diaframma, “il” rock in Italia».

Il rock può invecchiare o deve morire giovane?
«Può invecchiare solo se non diventa caricatura di se stesso. Capisco che il 2010 sia molto brutto, ma è qui che viviamo e fingere di essere nel ’77 mette tristezza. I Rolling Stones suonano ancora lezioni di rock’n’roll, ma oggi non andrei a vederli. Inutile fare gli adolescenti a cinquant’anni».

E Dylan?
«Il primo amore. In casa mia ascoltavano i Platters, io ero attratto da questo menestrello. Solo che comprai un disco particolare, Live in Bangladesh, e misi la seconda parte. Quella in cui suonava Ravi Shankar per mezzora. Pensai: Dylan me lo immaginavo diverso. Poi capii che avevo sbagliato lato».

Di Little Steven che ricordo ha?
«Steve mi ha insegnato che la musica non può cambiare il mondo, ma può attirare l’attenzione come nessun’altra arte. Oggi celebriamo i Mondiali in Sudafrica: vent’anni fa cantavamo la liberazione di Nelson Mandela. Il paese è allo sfacelo, ma spero ancora. L’Italia, nei momenti peggiori, è stata sempre salvata da minoranze straordinarie. Sono loro che mantengono la luce accesa».

Andrea Scanzi. La Stampa.

Rispondi

User Gravatar
B16 said in 17 Giugno, 2010 at 10:35

Pardon, vent’anni fa’…. per un’estate italianaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa…..

Rispondi

User Gravatar
buzzandmusic said in 17 Giugno, 2010 at 14:27

scanzi mi sta sui maroni ma grazie lo stesso b16

Rispondi

User Gravatar
B16 said in 17 Giugno, 2010 at 15:59

anche a me…. ma stavolta almeno ha fatto solo domande e poche considerazioni….

Rispondi

User Gravatar
buzzandmusic said in 17 Giugno, 2010 at 17:57

gia’ meno male

Rispondi

User Gravatar
Generale Lee said in 17 Giugno, 2010 at 19:41

L’HO LETTA ANCHE IO. A PARTE GLI STONES DICE COSE MOLTO CONDIVISIBILI CMQ.

AUGH

Rispondi

Leave A Reply

 Username (Required)

 Email Address (Remains Private)

 Website (Optional)