Related Articles

13 users responded in this post

Subscribe to this post comment rss or trackback url
User Gravatar
Aloisio said in ottobre 1st, 2008 at 11:26

Ciao buzz! Ecco le mie opinioni in sintesi:

1) Sanremo: buono spettacolo televisivo, mediocre spettacolo musicale (ma almeno cantano dal vivo).

2) Festivalbar: pessimo spettacolo televisivo e musicale.

3) Ligabue: boh, l’ho sempre ascoltato poco, i primi dischi cmq non erano male, diciamo fino ai primi anni 90.

4) Vedi Ligabue, con la differenza che Vasco Rossi si è fermato ai primi anni ’80. Dopodiché è solo marketing.

5) Crisi della discografia: il successo di un artista si valuta dai suoi concerti, non certo dai dischi. Chi vale non teme la crisi discografica.

6) Nuovi artisti: boh, sinceramente non ne conosco molti, anche perché quelli che emergono sono i pupazzetti plasmati dalle major, certo non chi ha idee originali da proporre.

7) Il Mei di Faenza: Boh, non so che dire.

8) Il progressive de noantri: beh, i primi album prog delle Orme, se ad inciderli fosse stato qualche gruppo made in England, i nostri esimi giornalisti musicali li avrebbero definiti capolavori. Di recente è uscito un loro buon dvd live registrato in Pennsylvania.

9) Faber e Battisti: con tutto il rispetto per De André, Lucio Battisti è stato, senza alcun dubbio, il musicista e cantante popolare più importante e influente del XX secolo in Italia. Addirittura più i Modugno forse.

ciao!!!

Rispondi

buzzandmusic Reply:

Grazie Alo!
Non so gli amici blogger, ma concordo quasi su tutto…..
il Mei di Faenza,manifestazione dedicata a tutto quello che riguarda le etichette indipendenti, ha un discreto seguito tra gli addetti ai lavori.
Se fosse in uk o Usa sarebbe una bomba.
Da noi è poco considerato e le nuove band non emergono.
Le Orme ?Adoro la band e quasi quasi mi vado a comprare il dvd.
Ciao.
Big hug
Yours
Buzz

Rispondi

User Gravatar
alexdelarge said in ottobre 1st, 2008 at 19:10

bella buzz;
– Sanremo: lo seguo sempre molto poco per vari motivi. è troppo lungo (una settimana di chiacchiere che coprono la musica), i pezzi di solito non mi piacciono, i cantanti che apprezzo e che vengono invitati propongono roba di scarto, mi annoio come marmellata sul tonno.
– Festivalbar “chiuso”: idem come sopra, con l’aggravante che cantano in playback e quindi non mi interessa. spesso i 3/4 dei pezzi che cantano non li conosco e sono pallosissimi.
– Ligabue e Vasco: il primo ha avuto dei begli alti all’inizio carriera, poi si è seduto. discreto radiofreccia, osceno da zero a 10 (e ci mancherebbe altro, ad ognuno il proprio mestiere). Vasco Rossi è stato enorme fino a Liberi Liberi. poi ha regalato un paio di capolavori assoluti (stupendo e sally) e basta. il resto è fuffetta radiofonica giusta solo a smutandare le sue fan. sinceramente imbarazzante l’ultima canzone, quella dei blue jeans.
– crisi della discografia e della “officina delle idee”: non ci credo per niente. la discografia non è in crisi. sta solo cambiando pelle. e piagnucolano come bambinetti perchè vedono il loro cortilino invaso da facce nuove.
– nuovi artisti: poca roba. tranne cremonini (a sorpresa, visto che ero un suo dis-fan hardcore) ho ascoltato poca roba interessante da nuove promesse. Addirittura una piccola delusione da baustelle (che non sono certo al primo album).
– il Mei di Faenza: interessante ma con l’impressione che comincino ad incartarsi anche loro sull’usato sicuro…
– il progressive “de noiartri”: mai cagato…
– Faber e Battisti: non sopporto il primo e adoro certe cose del secondo.

Rispondi

buzzandmusic Reply:

evviva la sincerità e la passione di alexdelarge,grande!
Grazie di essere intervenuto con la tua testimonianza.
Alla prossima,you are always welcome.
Bye
Yours Buzz

Rispondi

User Gravatar
rob said in ottobre 2nd, 2008 at 11:29

Festivalbar… non c’è stato. Giusto? Eppure ci sono le compilation in giro. C’è qualcosa che non mi torna. CIAO GRANDE BUZZ!!!

Rispondi

buzz Reply:

Anche a me questa cosa non mi torna.
Voglio verificare,troppo curioso.
Ora mi metto a “googlare”:-)
Grazie Rob,ma che passione per questa nostra musica eh?
Salvetti oppsss salviamo il salvabile.
Speriamo che anche altri intervengano su questo “spinoso” argomento.
Cheers
yours

Buzz

Rispondi

User Gravatar
Eddie Bax said in ottobre 2nd, 2008 at 13:06

Completamente d’accordo su quasi tutto, gente.
Ma il fatto è che la musica oggi è completamente schiava del business, e quindi succede quello che sta succedendo con i programmi televisivi: appiattimento verso il basso.

Il Festivalbar è nato per far mettere più soldini nei Juke-Box (ve li ricordate i Juke-Box, vero? c’è qualcuno di una certa età qui?)e per vendere più dischi e non per altro, quindi è logico che la compilation ci sia ancora anche se non c’è il programma tv che era solo di supporto, imho.

Sanremo? Idem, non farà la stessa fine solo perchè ci girano dietro più soldi e perchè ormai è diventato un fenomeno di costume

Liga e Vasco li ho amati ai loro esordi, poi anche loro si sono piegati al dio denaro e allora basta, ognuno fa le proprie scelte, ma pezzi come .

Concordo su Cremonini che nel panorama nostrano mi sembra quello che se non altro dimostri un po’ di coraggio nelle scelte

Sul Mei non mi pronuncio perchè non sapevo nemmeno cosa fosse, ammetto la mia ignoranza 😉

Del progressive casereccio sono stato un fan sfegatato, ma è roba di 30 anni fa: bellissimi ricordi e bellissime sensazioni ma il mondo va avanti

Faber secondo me è stato un vero poeta, e pur amando Battisti credo che siano su due piani molto diversi e distanti. Quello che ha rappresentato per la musica (italiana e non) un disco come “Non al denaro…” difficilmente si ripeterà. Prova ne sia il fatto che un tipo come Morgan (che piaccia o meno è uno dei più dotati di cultura musicale oggi in Italia) quando ha deciso di fare un tributo a quel disco non ha potuto fare altro che rifarlo uguale; per un artista credo sia il massimo del rispetto.

Per il resto complimenti a chi tiene questo blog e a tutti quelli che postano

Rispondi

buzzandmusic Reply:

wow saluti anche ad eddie bax,you’re welcome.
Prendiamo nota delle sue opinioni espresse in modo civilissimo ed esemplare.
Grazie per i complimenti e……….piu’ siamo meglio e’!
Buona musica a te e ogni bene per la vita.
Cheers
yours
Buzz

Rispondi

rob Reply:

Ciao Eddie Bax,
avevo letto che il senso del FARLO UGUALE era stata la missione del progetto di Morgan, che ha cercato per mari e molti le partiture originali strumento per strumento.

Ovviamente stiamo parlando di “NON AL DENARO…”.

Anche io amo quell’album e non solo quello: due anni fa ho fatto mia l’antologia “OPERE COMPLETE”. Un salasso necessario.

CIAO!

Rispondi

Eddie Bax Reply:

Beh, se si tiene conto che le musiche di quel disco sono di Piovani e i testi sono ispirati all’antologia di Spoon River, e quindi sono la sintesi poetica di una poesia… ci si può rendere conto di come sarebbe stato impossibile fare qualcosa di diverso dal farlo uguale

Rispondi

buzzandmusic Reply:

ciao Eddie
pensavo non fosse arrivato il tuo post invece eccolo qua.
Grazie di averci trasmesso una tua opinione.
Cheers
Buzz

User Gravatar
Terry said in ottobre 2nd, 2008 at 15:45

Sanremo esiste solo e in funzione degli sponsors,è stato da sempre un
programma televisivo di carattere nazionalpopolare ed ha di conseguenza un forte indice di ascolto.
Ecco il perchè delle 5 serate dove passa di tutto:dal comico all’attore,dalla star internazionale al calciatore di turno.
Un grosso calderone dove poter soddisfare le esigenze del suddetto pubblico.(mentre filtrano a iosa tutte le pubblicità).
La musica e le canzoni?Sembrano fare solo da sfondo.

un saluto a tutti e, naturalmente….GRAZIE A TE BUZZ!

Rispondi

buzzandmusic Reply:

Già ,la musica solo da sfondo ……che tristezza.
Grazie a te Terry per il tuo intervento.
Un caro saluto
Buzz

Rispondi

Leave A Reply

 Username (Required)

 Email Address (Remains Private)

 Website (Optional)